Search in:

Perchè Drogheria

La nostra filosofia

internoIn origine la drogheria era meglio conosciuta come “ appalto”, nome dato a quegli esercizi che oltre a profumi e spezie, cioccolata, dolciumi e altre prelibatezze vendevano anche tabacchi e altri prodotti alcolici; era un luogo in cui poter mangiare uno stuzzicchino, bere del buon vino, del vermouth o qualche liquore sopraffino. Inoltre, negli anni cinquanta all' interno di queste botteghe, accanto ai sacchi di fagioli farina o zucchero, c'era quello del caffè che iniziarono a tostare con rudimentali macchine torrefattrici a legna diventando le prime "torrefazioni artigianali". La "Drogheria Casoni" di Firenze è tutt'oggi famosa per essere stato il posto in cui, in un giorno imprecisato tra il 1917 e il 1920 venne servito il primo "Negroni Cocktail" leggenda della miscelazione italiana. La nostra drogheria somiglia ad un legno intarsiato da artistici colpi di scalpello; a sagomare la forma del frassino e del ferro sono stati degli artigiani locali; sarete circondati da sacchi di caffè di origini diverse, e, pervasi dall’ odore non solo del caffè, ma anche dei tè, dei vini, dei liquori, dei formaggi, dei salumi, delle spezie e delle erbe aromatiche che utilizziamo per miscelare i drink, selezionati per offrirvi ogni volta un’ esperienza sensoriale diversa.

Chi siamo

antonaoldCuriosità, passione e rispetto, credo sia questo che da tanti anni ci spinge a recarci ogni mattina al lavoro, felici di portare avanti un progetto che inizia con lo scoppio della seconda guerra mondiale, quando venne alla luce nostro padre Bernardo Antona. A quel tempo i nostri nonni non erano benestanti, e così, papà giovanissimo dovette iniziare a lavorare presso il bar di “Don Gasparino Marrali”, successivamente lavorò presso lo storico “caffè Montagna” e continuò presso vari hotel della Sicilia. Dopo aver raccolto diverse esperienze dietro i banco bar, decise di aprire la sua attività, l’ Amercian Bar, che gestirà per mezzo secolo insieme all’ amico e socio Salvatore La Greca. I baristi di un tempo dovevano avere conoscenze liquoristiche e pasticciere per saper preparare bagne, gelati, granite e i primi miscelati che sono poi diventati i grandi classici del bartending. Dietro la loro guida abbiamo iniziato a preparare i primi negroni, i primi bellini, i primi americani, ma anche, espressi, cappuccini e gelati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi